Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Sostienici

Sponsor
 

Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda Zino Davidoff » 28/05/2013, 11:42

Inauguro con questo una serie di tutorial, che per quanto solo marginalmente utili ai soci più navigati, spero possano avvicinare i niubbi a questo intrigante mondo.

1) La prima ovvia domanda... e la sua risposta!
Ne vale la pena?
La risposta è un colossale SI

Agli occhi di un nuovo iniziato, il rituale del pennello (detto così pare massonico -_-') può sembrare un vecchiettismo. Dopotutto, se è stata inventata la schiuma in latta, un motivo ci sarà?

Beh, il motivo c'è, ma è quello sbagliato. :roll:
La schiuma in bombola spray nasce per esigenze di velocità, dell'industria e del singolo soggetto. Ed è effettivamente più veloce nell'applicazione e nella curva di apprendimento.
Il problema principale è che i propellenti spray sono relativamente disidratanti, e vanno a intaccare la prima regola della rasatura.
Come propaganda Charles Roberts (un soggetto su cui andrò prima o poi a scrivere qualcosa :D)
"L'acqua è il solo indispensabile, nonché il migliore ingrediente per la rasatura."
E' ovvio che schiume e gel spray sono l'esatta negazione di questo.
Il miglioramento che si può raggiungere con l'uso di pennello e sapone (o crema) è enorme. Basta quest'unico cambiamento a migliorare di parecchio la qualità della rasatura.

E le schiume di alta qualità? (tipo Aramis Lab Series o simili)
Beh, mi spiace sfatare un mito, ma la loro "alta qualità" spesso deriva dal pregevole ingrediente titolato benzocaina, un anestetico per uso topico che proprio bene non fa. -_-'

2) La seconda domanda, per logici, con relativa risposta :P

Ossia... se il sapone da barba è comunque un sapone, perchè non posso radermi con una qualsiasi saponetta?
La risposta richiede un minimo di premessa :D

La maggior parte delle saponette intorno a noi in realtà non sono sapone.
Mi spiego meglio. Il modo più tradizionale di ottenere il sapone [attendo collaborazione dall'illustre Clavichord :D ]è far reagire del grasso animale e/o vegetale con la soda caustica (una ricetta del genere si trova in un papiro egizio del 1500 A.C. O_O).
Nel XX secolo, per vari motivi lunghi da elencare, si iniziò a lavare con un nuovo tipo di detergente, ossia una miscela di un agente surfattante (per semplificare, fa sì che l'acqua sciacqui meglio :P) e un coadiuvante (in genere il famigerato fosfato di sodio).
In altre parole il sapone commerciale in genere non è sapone, bensì detergente chimico. Di conseguenza tende a seccare la pelle e spesso provoca spiacevoli reazioni allergiche.

Ricordiamo qui la prima regola.
"L'acqua è il solo indispensabile, nonché il migliore ingrediente per la rasatura."
Il compito precipuo del sapone sarà dunque quello di tenere l'acqua a contatto con pelle e pelo, ammorbidendoli e idratandoli. Questo secondo compito sarà svolto anche da altri ingredienti contenuti nel sapone stesso.

E per rispondere alla prima domanda così riformulata:

Posso radermi con una qualsiasi saponetta?

La risposta è NI (noi siamo i cavalieri che... ecc ecc :P)

O meglio, è possibile che un buon sapone formulato naturalmente, senza ingredienti sintetici, possa funzionare come e meglio di un sapone specifico da barba. Ma la cosa è da testare sul campo e con filosofia :D

[a presto il continuo con una sintesi dei marchi e le tecniche di montaggio]

***

3) Breve panorama su marchi e tipologie.

Giunti fin qui, possiamo iniziare con una piccola classificazione. I saponi da barba possono assumere due diverse consistenze, ed essere poi impacchettati in due diversi modi. Questo andrà a influenzare la tecnica di montaggio della schiuma, ma su questo meglio in seguito :D
Dimenticavo: quasi tutti i saponi di alta qualità sono triple-milled. Che vuol dire? Vuol dire che dopo essere stati impastati vengono schiacciati e amalgamati in un macchinario a rulli in pietra, prima di venire reimpastati e la procedura viene ripetuta per tre volte. Questo gli conferisce una migliore qualità e una durata di gran lunga superiore (un buon triple-milled usato senza sprechi può durare un anno e più :))

Duri
Consistenza delle comuni saponette, a forma di basso cupolotto. In genere sono impacchettati in ciotola, raramente sotto forma di stick.
Semiduri
Consistenza tipo creta, in genere si tratta di pezzi quadrangolari avvolti in carta paraffinata. Relativamente rari.

Detto ciò, ecco a voi un breve panorama dei marchi più noti (che mi ricordo :D) con qualche indicazione di massima



Boellis

Caswell & Massey
Nota. Su molti forum si ribadisce più e più volte la scarsa qualità dei loro prodotti da barba. Io non li ho mai provati (ebbene si, sono un pavido :P) anche a causa del costo non proprio amichevole. Se proprio volete rischiare, posso darvi un indirizzo romano che li ha.

Cella

Colonel Conk

Crabtree & Evelyn
Sandalwood
L’importanza di un prodotto onesto :P. Profumo discreto ma non cattivo, mediamente schiumogeno, mediamente lubrificante, mediamente caro.
Circa 10 € la ricarica. Non lo posseggo in ciotola.

Edwin Jagger

D.R. Harris
Per usare un paragone automobilistico, la Bristol della rasatura e profumeria inglese. Prodotti carissimi, molto efficaci e poco conosciuti, chi li prova è raro li abbandoni. Si dice che il loro Arlington sia il miglior sapone da barba in assoluto, ma non ho ancora dati personali a supportare la notizia :P.

Floris

L’Occitane

Maurer & Wirtz
Irisch Moos
RASIERSEIFE di vecchia scuola, a base di sego. Molto efficace, forse anche un filino piu del cugino Tabac. Non viene importato in Italia; probabilmente in quanto ancora piu fetente del suo parente.
Solo in stick, in Germania sta sul paio di €

Tabac Original
Tedesco, tedeschissimo RASIERSEIFE, nella sua tipica ciotola in vetro opalino. Uno tra gli ultimi a base di grasso animale, odora di soldato in libera uscita :P e funziona egregiamente. Fa un sacco di schiuma parecchio lubrificante, ma la sua formulazione (è profumato come l’omonima colonia e contiene alcol) potrebbe irritare le pelli sensibili. A me da un risultato egregio, ma per la mia proboscide è un odore un po’ faticoso da sopportare. :D
125 g.Tra i 15 e i 20€ con ciotola, tra 7 e 10 € una ricarica. Ne esiste una versione in stick.

Penhaligon’s

Proraso
Sapone da barba mentolo ed eucaliptolo
E’ imbarazzante ammetterlo, ma questo sapone riesce a scavalcare di misura nelle prestazioni un sacco di prodotti blasonati che costano fino a 10 volte il suo prezzo. Odora di Vicks Vaporub, più o meno :P e la (inconfondibile)ciotola in plastica è relativamente brutta (ma ben più funzionale di quelle in legno, causa rientranza a mo’ di impugnatura :D). La consistenza è semisolida, più una crema molto densa che un sapone, ma per comodità di classificazione lo mettiamo qui. Spara fuori schiuma con qualsiasi cosa lo agitiate, cinghiale o tasso (forse anche con mani, ma non ho mai provato) e da una bella sensazione di freschezza durante la rasatura. Al momento dell’acqua fredda è in grado di svegliare il più narcolettico dei bradipi :D.
Usato insieme al “Miracolo Pre-barba” e al dopobarba della stessa casa forma una combo parecchio dura da sconfiggere. :D
Se vi chiedono più di 5 € tirateglielo in testa con violenza :P

Sapone da barba aloe e te verde
In ciotola bianca. Non lasciatevi ingannare dall’etichetta, contiene comunque mentolo, seppur in quantità parecchio minore. L’odore è “acerbo” e mi piace poco, ma l’efficacia compensa :D. Molto più adatto alla pelle sensibile, un filino meno facile da trovare. L’efficacia è pari a quella del fratello verde.
Se vi chiedono più di 5 € lanciateglielo sugli attributi :P

Taylor Of Old Bond Street

Truefitt & Hill

Geo F. Trumper
Rose
Il sapone più considerato di questa casa. In ciotola di legno, è un pochino più grande dello standard di categoria. Riformulato in anni recenti è ora a base di glicerina. Il profumo è floreale :P e vagamente cipriato, poco invasivo e poco persistente. Come tutti i triple-milled inglesi le prime volte fa bestemmiare forte: produce immediatamente una cascata di schiuma ariosa e perfettamente inutile :P, poi con ulteriore lavorazione fornisce quella cremosa e lubrificante. E’ quello che mi ritrovo a usare più spesso.
80g. Tra i 20 e i 35 € in ciotola, tra 10 e 15 una ricarica.

Valobra


[N.B. Le descrizioni si attengono a quelli da me provati per almeno tre mesi di uso a giorni alterni. Se gradite che inserisca la vostra opinione sui prodotti che non ho provato mandatemela via pm con le modalità di uso e riceverete i relativi crediti :D. Identico discorso vale per prodotti che ho inevitabilmente dimenticato :D A presto con le tecniche di montaggio coadiuvate da servizio fotografico :D Le faccine saranno rimosse a fine lavoro, quando il tutto sarà ripulito e impacchettato in comodo formato pdf :D]

4) Devo dipingere una parete grande... ecc ecc. :P Sfatiamo un altro mito.

Spesso si dice che vi siano pennelli "da sapone" e pennelli "da crema". In genere al sapone vengono riservati i pennelli di cinghiale o tasso comune, mentre alla crema vanno i Super e i Silvertip.
Beh... diciamo che è quantomeno inesatto.
Il sapone richiede un pochino più di lavoro da parte del pennello, in quanto con le setole si gratta via un lieve strato superficiale da un panetto duro o semiduro, quindi con i succitati pennelli "da sapone" può sembrare più facile.
Per azzerare ogni differenza basta un semplicissimo barbatrucco (qui spiegato) e una piccola dose aggiuntiva di olio di gomito (TM).
E ora, finalmente:

5 - Acqua alle ciotole, presentat' pennell', march!

Quello che qui presenterò è il metodo classico per montare un sapone a pasta dura. Prima di tutto vi presento gli strumenti:

Immagine
Lui è il diabolico :twisted: Omega 666, in Best Badger.
Immagine
Lei è la vera ciotola da barba ommiodiosoloun€uro
Immagine
Immagine
Questo nobile in legnoso cappotto è invece Mr. Rose della famiglia Trumper.

Cominciamo!

Immagine
Immergiamo il pennello in acqua molto calda (calda da poterci ancora mettere le mani, ma a fatica) e lo lasciamo a bere per qualche minuto.
Immagine
Nel frattempo passiamo le dita appena appena umettate nella stessa acqua sul sapone; questo ammorbidirà le sue resistenze e lo preparerà al successivo trattamento. Si tratta del famoso barbatrucco sopra citato :D
Immagine
Una strizzatina non troppo energica. Deve rimanere molto bagnato, ma non tanto da gocciolare.
Immagine

E ora, via!

Immagine
mannagg'o ffuoco, troppa acqua!. :evil: Vedete le bolle così grandi nella "protoschiuma"? Poco male, basta insistere un po' di più...
Immagine
Immagine
Ora si ragiona. Attenti adesso, che qua cascano in parecchi... vi sembra schiuma adatta a radersi?
[continua]

Chi ha risposto si, capirà ben presto e abbastanza dolorosamente che si sbaglia (bravo James :D) :) Dunque ora ci trasferiamo nella ciotola
Immagine
Poche gocce d'acqua...
Immagine
E si riparte! Girate nello stesso senso, rapidi come per montare la panna, ma senza schiacciare troppo le setole contro il fondo. Quando vi accorgete che smette di montare aggiungete POCHISSIMA acqua e ricominciate. Che vuol dire pochissima? Beh, immergete le punte delle dita nell'acqua che dovreste ancora avere nel lavandino, tiratele su e fate scolare quelle poche gocce nella ciotola. :D
Dovreste passare abbastanza rapidamente da:
Immagine
a:
Immagine
e infine a:
Immagine

Osservate bene la saturazione del pennello (fin quasi alla base)
Immagine
E la consistenza della crema nella ciotola e sul mio dito :D
Immagine
Immagine

Purtroppo nel mio palazzo l'acqua è durissima, quindi la schiuma si smonta con discreta rapidità -_-' Ci vogliono pochi istanti a farla riprendere e la sua efficacia non cambia, ma la consistenza sulla mano ne risulta parecchio imbruttita :(
Immagine

[continua con i saponi tipo Proraso. Non ho campioni di Valobra o simili, quindi per i semiduri temo di non poter allegare immagini :( :( ]

6) Anche Rambo si arrese all'idrante. Metodo per semiduri

Per semiduri al momento intendo quelli sulla falsariga del Proraso (quindi Prep, Figaro e P160), ma stando a ciò che leggo in giro il sistema potrebbe funzionare anche per Valobra, Boellis e simili.

Ripartiamo dagli attori :D
Qui riabbiamo la vera ciotola da barba mono€urica
Immagine
con un nuovo compagno. Lui è il professionale Omega 10098, in cinghiale.
Immagine
Oggi abbiamo a che fare col re dei peoni, il Proraso bianco.
Immagine
Allora, si comincia! Mettiamo a bagno il pennello e lasciamolo a bere per un bel po' (almeno un paio di minuti), essendo il cinghiale notoriamente poco amico dell'acqua :D
Nel frattempo prendiamo un pezzettino di sapone, diciamo più o meno un 50 €urocent
Immagine
Mettiamo un dito d'acqua calda nella ciotola e ci mettiamo a bagno il frammento, per un minutino o poco più
Immagine
Buttiamo l'acqua, senza buttare il sapone! :D
Immagine
Strizziamo il pennello, lasciandolo comunque molto bagnato.
Immagine
Immagine
E si parte col montaggio! Schiacciate il pennello sul sapone e montate come per il metodo classico, con un po' più pressione del normale.
Immagine
Immagine
Ogni sei o sette giri date una pompatina verso il basso , per poi ricominciare a girare.
Immagine
Immagine

Il risultato finale dovrebbe essere più o meno questo qui! :D
Immagine
Immagine
Anche qui il pennello si deve saturare quasi fino al manico.
Immagine
Osservate la consistenza sul dito
Immagine
e nella ciotola
Immagine

[continua. Shave stick e face lathering]

7) Lo shave stick, questo sconosciuto.
Alcuni saponi celebri (per ora mi sovvengono Valobra, Muehle, Tabac e Speick) vengono messi in commercio anche sotto forma di stick; ossia nel formato degli omonimi deodoranti.
Essendo formulazioni analoghe (nella maggior parte dei casi) ai loro confratelli da ciotola, potremmo benissimo utilizzare il metodo classico o la variante succitate.
Ma esiste una terza via più fine e funzionale :D

Prima di tutto, gli attori. :D
Qui abbiamo un pennello figlio di tasso ignoto :D
Immagine
Qui invece uno stick della Valobra
Immagine
Immagine
Altro non ci occorre. Si parte!
Mettiamo come sempre il pennello a bagno per un paio di minuti
Immagine
Nel frattempo immergiamo la punta dello stick nell'acqua.
Immagine
Dopo aver bagnato la faccia, passiamo lo stick sulla barba con moto rotatorio, calcando un pochino.
Immagine
Fino ad avere un sottile strato di sapone sul pelo.
Immagine
A questo punto prendiamo il pennello, lo strizziamo come sempre
Immagine
E lo muoviamo sulla faccia ruotandolo come se fosse già pieno di schiuma.
Immagine
Il movimento farà montare lo strato di sapone steso in precedenza.
Immagine
Continuate per un paio di minuti, fino ad avere una schiuma abbastanza densa. Non verrà densa come quella dei metodi comuni, ma ne avrà la stessa efficacia.

Il tutorial finisce qui. Buone insaponate e buone rasature!
Quando tutto ciò che hai è una Coticule, ogni problema inizia ad assomigliare a uno Sheffield.
Avatar utente
Zino Davidoff
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 06/04/2010, 12:21

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda gyonny » 29/10/2013, 14:37

Complimenti per la guida davvero utile!
Devo dire che da quando frequento questo forum e sopratutto grazie a questa tua guida sono riuscito a far montare più schiuma con i vari saponi da barba, specialmente utilizzando quel trucco di tenere vari minuti in ammollo in acqua calda il pennello da barba (cosa che prima non facevo!) :D

Ripeto sempre che io ho seguito nel dettaglio questa tua guida ottenendo davvero ottimi risultati che prima non immaginavo nemmeno, e quindi dopo aver fatto pratica mi sono anche permesso di fare alcune varianti/esperimenti personali, mi spiego meglio:

ultimamente ho acquistato due prodotti poco usati dalle varie utenze di questo forum > un pennello della Zenith (in setola di maiale) e una ciotola di sapone poco apprezzato : il Figaro, e quindi con questi due prodotti sono riuscito anche ad ottenere soddisfacenti risultati di insaponatura seguendo molti passaggi di questa guida:

1) Ho tenuto in ammollo il pennello per 10 min circa in acqua molto calda, ma non bollente (per far ammorbidire meglio il pennello nuovo)
2) Ho messo con la punta delle dita un po di acqua calda sulla ciotola del Figaro
3) Ho tolto il pennello dall'ammollo, spremendolo ma lasciandolo sempre umido, e quindi ho sfregato energicamente il pennello sulla ciotola del Figaro fino a riempirlo di sapone.
4) Ho inumidito il viso con acqua calda e poi ho proceduto direttamente con l'insaponatura sul viso (senza previo uso di ciotola vuota...) con movimento rotatorio del pennello e spremendo di tanto in tanto con le dita le setole (piene di sapone) del pennello sul viso (durante l'insaponatura) in modo da rilasciare più schiuma sul volto.

Con questa tecnica sono anche riuscito a far montare molta schiuma con il Proraso in ciotola bianca (quello al te verde e avena)...ma devo dire che con il Figaro (che sarà di qualità inferiore al Proraso) sono riuscito a montare più schiuma rispetto a quest'ultimo (forse per via della consistenza più morbida e malleabile)...e dimenticavo anche di dire che nella zona dove vivo io l'acqua è davvero molto dura.
Muhle R41 RG Vanta lama intera
Avatar utente
gyonny
 
Messaggi: 1723
Images: 70
Iscritto il: 20/05/2013, 14:07
Località: prov. PA

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda gyonny » 29/10/2013, 15:41

Dimenticavo di segnalare un'altro metodo per montare sufficiente schiuma con il Proraso in tubetto:

1) Posizionare una piccole noce di sapone "Proraso in tubetto" su una ciotola vuota.
2) Aggiungere una piccola quantità di acqua calda sulla ciotola (con la punta delle dita)
3) Sfregare sopra di essa un pennello ben inumito e ammorbito (previo ammollo sul lavandino in acqua calda)
4) Insaponare il volto con un energico movimento rotatorio (tendendo a spremere il pennello sul volto in modo da far rilasciare più schiuma possibile dal pennello insaponato) .

* Questa è una tecnica che ho visto fare anche da un barbiere (ma con il sapone Proraso in tubetto professionale - quello di plastica bianca).
Muhle R41 RG Vanta lama intera
Avatar utente
gyonny
 
Messaggi: 1723
Images: 70
Iscritto il: 20/05/2013, 14:07
Località: prov. PA

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda Alesoft » 25/02/2014, 14:07

Io con il Cella, ne metto un pezzetto piccolo nella ciotola con acqua. Dopo alcuni minuti tolgo l'acqua e inizio a montare con pennello come nella tecnica descritta per i saponi semi duri ma il pezzetto scappa da tutte le parti nella ciotola e non riesco a farlo sciogliere tutto con conseguente produzione di poca schiuma. Il pennello è stato a bagno per 1o minuti, strizzato ma ben umido. Dove sbaglio?
Alesoft
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 15/02/2014, 11:20
Località: Rovigo

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda ares56 » 25/02/2014, 14:53

Fermo restando che sarebbe meglio continuare con le proprie esperienze in questa discussione viewtopic.php?f=31&t=314 per non incasinare il Tutorial, il sapone lo devi premere e spiaccicare nella ciotola in modo che aderisca e il pennello possa caricarsi per bene.
"Sono proprio le soluzioni più semplici quelle a cui di solito non si dà importanza e che, in genere, finiscono con l'essere trascurate".
(Sir Arthur Conan Doyle: Il segno dei quattro)
Avatar utente
ares56
 
Messaggi: 12608
Images: 2081
Iscritto il: 10/05/2013, 15:11
Località: Napoli

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda gyonny » 25/02/2014, 15:19

Alesoft ha scritto:Io con il Cella, ne metto un pezzetto piccolo nella ciotola...


I "piccoli pezzetti di sapone" tendono a giocare e scivolare insieme al pennello...forse in questo caso sarebbe meglio posizionare un bel pezzo di sapone su di una ciotola e quindi sfregarci energicamente sopra il pennello (ben ammollato in acqua calda) fino a colmare al max le setole si sapone.

* Credo che con una nuova ciotola di Proraso verde venga tutto più facile...
Muhle R41 RG Vanta lama intera
Avatar utente
gyonny
 
Messaggi: 1723
Images: 70
Iscritto il: 20/05/2013, 14:07
Località: prov. PA

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda ares56 » 02/10/2014, 15:00

Passato un pò in sordina (almeno per me) come link in un SOTD (viewtopic.php?p=102023#p102023), vi propongo (con l'autorizzazione dell'attore principale che si riserva il diritto di modifica o cancellazione ;) ) questo video che vede come protagonisti il Sapone Felce Aromatica 4.0 e una pletora di pennelli da barba:

"Sono proprio le soluzioni più semplici quelle a cui di solito non si dà importanza e che, in genere, finiscono con l'essere trascurate".
(Sir Arthur Conan Doyle: Il segno dei quattro)
Avatar utente
ares56
 
Messaggi: 12608
Images: 2081
Iscritto il: 10/05/2013, 15:11
Località: Napoli

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda gengi » 04/10/2014, 11:51

Potreste aggiungere anche una guida figurata per quanto riguarda i saponi da barba in tubo?
Avatar utente
gengi
 
Messaggi: 89
Iscritto il: 30/09/2014, 13:10
Località: Napoli

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda Luca142857 » 04/10/2014, 13:16

Me l'ero perso questo video :o Grande Sergio! e piccolo il suribachi ... in effetti :D
“La rasatura è una severa maestra.” Heinlein142857.
Avatar utente
Luca142857
 
Messaggi: 4560
Images: 1254
Iscritto il: 10/05/2013, 15:14
Località: Nordest Emilia.

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda AlfredoT » 04/10/2014, 14:47

Grazie Luca! :D
Vero. E' il suribachi...no del buongiorno! :lol:
God shave the Queen!
Avatar utente
AlfredoT
 
Messaggi: 5822
Images: 549
Iscritto il: 11/05/2013, 11:05
Località: Tra Pv, Pc, Lo e Mi

Re: Tutorial. Il sapone da barba, una guida.

Messaggioda ares56 » 04/11/2014, 20:22

Ho fatto un pò di pulizia per mantenere questa discussione come TUTORIAL.

Per commenti generici sul montaggio del sapone da barba: viewtopic.php?f=33&t=314 (dove ho spostato alcuni messaggi).

Per il face lathering: viewtopic.php?f=33&t=2747
"Sono proprio le soluzioni più semplici quelle a cui di solito non si dà importanza e che, in genere, finiscono con l'essere trascurate".
(Sir Arthur Conan Doyle: Il segno dei quattro)
Avatar utente
ares56
 
Messaggi: 12608
Images: 2081
Iscritto il: 10/05/2013, 15:11
Località: Napoli

Torna a Tecniche di Rasatura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti