Restauro: giornale di cantiere....

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Sostienici

Sponsor
 

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda PicklesMacCarthy » 13/09/2014, 13:55

Infatti mi aveva colpito oltre alla bellezza di tutto il kit,il fatto che la doratura fosse rimasta pressoche' intatta.Immagino che prima di iniziare la pulizia vera e propria tu abbia incominciato a nutrire la pelle per riportarla in condizioni accettabili,tali da sopportare sfregamenti vari.
Un gran bel lavoro,complimenti.
...Non fidarti della croce del Sud,la caccia non finisce mai...(Moby Dick -BMS)
Avatar utente
PicklesMacCarthy
 
Messaggi: 1786
Iscritto il: 22/03/2011, 20:34
Località: Nord Adriatico/Golfo dei Veneziani

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 27/09/2014, 18:30

Un'altra coppia in avorio entra ed esce rapidamente dal cantiere. Per fortuna serviva solo smontarli, pulirli e lucidare le lame impeccabili :D
Immagine
Immagine
Immagine

Inconsueto il micro barber notch (pensato probabilmente per estrarre la lama facendo leva con un unghia)

e già che c'ero ne ho approfittato per sostituire i pin con delle rosette bombate stile Impero a un paio di francesi di inizio '800
"Hoffmann à Chalons"
Immagine

"Pradier"
Immagine
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 06/10/2014, 17:06

IL RITORNO DELL'EMIGRANTE

Qualche tempo fa un amico del forum francese mi aveva scritto chiedendomi se avevo notizie di rasoi italiani punzonati "Maniago" avendone trovato un esemplare in un mercatino di Calais.
1821918220
Purtroppo per il momento ancora una fitta nebbia grava su questa produzione artigianale italiana :(
Poi a sorpresa l'amico Thibaut mi ha scritto che voleva regalarmi questo rasoio (che per la misura era un po' fuori dai suoi standard, nonostante fosse un ottimo acciaio) in modo che "l'emigrante tornasse in patria" :o

Così, dopo qualche giorno, questo shoulderless da 7/8", 3/4 hollow, manicato in osso, dorso sfaccettato e naso aerodinamico (che mi ha sedotto subito) approdava al cantiere.
Essendo shave ready non ho resistito al volerlo provare immediatamente e nonostante il peso degno di un W&B, ho trovato una lama capace di insospettate dolcezze.

La presenza di una vecchia frattura composta allo spaziatore e la necessità di pulire la zona pivot mi hanno convinto a smanicarlo per una cura approfondita durante il weekend. Poi, viste le dimensioni generose del manico e la forma della lama simile a quella della coppia Stears, decidevo di montare delle rondelle concentriche nello stile dei vecchi Sheffield.

182221822118223

Ora manca solo un breve giro sulle pietre per riprendere il filo che sicuramente ha perso il mordente durante il piccolo restauro
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda Supermomo » 06/10/2014, 18:29

Bellissimo Altus, mi sono sempre chiesto come mai non avevo mai visto un rasoio di Maniago, ed eccolo qui, splendido ritrovamento e maestoso restauro!
Mandi Frus, da Massimo
Old Spice l'originale. Se tuo nonno non lo avesse usato, tu non esisteresti.
Avatar utente
Supermomo
 
Messaggi: 1508
Images: 447
Iscritto il: 18/05/2013, 14:29
Località: Pordenone

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda miscio » 06/10/2014, 20:47

Gran bel rasoio e ottimo restauro, come sempre ;)
miscio
 
Messaggi: 1152
Images: 227
Iscritto il: 01/08/2012, 16:15
Località: Milano

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda Bruconiglio » 08/10/2014, 6:28

Visitando questo argomento uno si aspetta di trovare centinaia di restauri :shock: e invece ... 8 pagine su 10 sono di meritatissimi complimenti :D
Aggiungo anche i miei ;)
Avatar utente
Bruconiglio
 
Messaggi: 1606
Images: 255
Iscritto il: 01/08/2012, 14:02
Località: Chieti

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 19/10/2014, 12:12

Un 6/8" abbondanti, punta spagnola e manico in avorio della Joseph Rodgers esce dal cantiere per raggiungere il mio cassetto con l'obbligatoria sosta per la rasatura di oggi :D

prima
1869718698
dopo
18699
1870118700

Certi rasoi ti fanno capire immediatamente perché la J.Rodgers è stata la più rinomata ditta di Sheffield....
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda Supermomo » 19/10/2014, 12:16

Quello che più colpisce sono le armonie delle forme! Spettacolo puro. Complimenti per i pin sul rasoio e sull'astuccio. Particolari moooolto ricercati
Mandi Frus, da Massimo
Old Spice l'originale. Se tuo nonno non lo avesse usato, tu non esisteresti.
Avatar utente
Supermomo
 
Messaggi: 1508
Images: 447
Iscritto il: 18/05/2013, 14:29
Località: Pordenone

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 19/11/2014, 18:43

Arrivati da poco e prontamente rimessi in servizio dopo il solito trattamento completo (smanicatura, lucidatura, affilatura delle lame - rigenerazione del cuoio - lucidatura dei manici):
Alex Clark m.f.g co - Welbeck, Sheffield c. 1898-1912

1918819189

(nelle foto sono ancora presenti i pin provvisori di lavorazione)
195521955319554

Ma la vera sorpresa - non visibile nelle foto e nel testo dell'annuncio originale - è stata scoprire sulla costa la scritta "The Prince of Wales Razor" ancora leggibile sia pure a fatica e che i due rasoi sono marchiati "1" e "2" in un ovale sul dorso.
Da tempo stavo proprio cercando un paio di rasoi così marchiati e fortuna o destino me li hanno serviti a sorpresa :lol: .

Dettagli sulla ditta Alexander Clark qui
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 17/12/2014, 20:35

La pausa forzata per lavoro e la preparazione degli starter kit ha creato un po' di accumulo nei restauri da iniziare e da finire :lol:

Immagine

William Webster (coppia) e Holborn
20247

Mitchell e Tornhill
20246

due sans crochet francesi: Blanc Degrey à Paris e anonimo 13/16"
20245

anonimo in corno fiammato e Rodgers in corno nero
20244

dulcis in fundo
1. G. Hawksley - W 4 Strand hardware manufacturer in London, 1820. 11/16"- wedge - codolo particolare - spanish point
2. Morrell - Burlington Arcade (London) 6/8"- wedge - barber notch c.1834
3. L. & Co. 6 - Cornhill (London) 11/16" faux frameback - near wedge
4. ? stub tail 5/8" c.1820
5. L.? S. S. & Sons - Strand (London) 11/16" - contropunta al tallone - wedge - dorso sfaccettato
20243

Un necessaire fine '800, cinghiale marrone - interni in camoscio
20250
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 20/12/2014, 19:34

Oggi giornata dedicata ai manici: due riparazioni su fratture al pivot con una nuova tecnica suggeritami dall'amico Poulpe del forum francese. Al posto della rondella incassata, due rinforzi a barretta longitudinale in acciaio, annegati nella plastica.
Poi, già che c'ero ho preparato le due guancette in tartaruga per il francese 13/16" Empire arrivato pochi giorni fa.
Come per il manico del settimanale, le due guancette sono state ricavate da un unico pezzo sezionato a mano lungo lo spessore ottenendo i due pezzi di 1-1,5mm di spessore con una trasparenza superba :D
Domani mi dedicherò allo spaziatore sempre in tartaruga e alla rifinitura.... e se il tempo migliora alle foto. :lol:
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda Scimitarra » 20/12/2014, 23:56

Quale sistema ritieni migliore tra rondella e barretta, e perché?
Hai una foto della barretta annegata?
Avatar utente
Scimitarra
 
Messaggi: 563
Images: 194
Iscritto il: 29/01/2014, 1:25
Località: [VE] Mestre

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 21/12/2014, 12:13

20336
in teoria questa riparazione dovrebbe essere più robusta di quella a rondella ma in realtà tutto dipende da quanto riesce ad aggrappare la colla sulla plastica (variabile da manico a manico a seconda della plastica utilizzata). Certamente è più semplice da realizzare, mentre continuo a preferire quella a rondella (meno visibile) sui manici antichi in materiali naturali come il corno.



2033520334
ecco le lastrine di tartaruga appena sbozzate per un classico manico Empire
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 23/12/2014, 18:32

Terminato il manico in tartaruga stile "Premiere Empire" per una lama di "anonimo" francese (punzone semicancellato), databile verso il 1810-1820.
Nonostante lo spessore della tartaruga non superi 1,5mm nei punti più spessi è abbastanza rigido. Lo spaziatore è sempre in tartaruga e le rosette questa volta sono in metallo argentato per richiamare il colore dell'acciaio.
Come già scritto, le due guancette sono state ricavate da un unico pezzo sezionato (affettato :lol: ) lungo lo spessore con un seghetto da orefice e una buona dose dell'immancabile pazienza 8-)

204012040220403

Domani affilatura e così ho il mio rasoio per la mattina di Natale 8-) :D

dimenticavo :lol: la foto pre-intervento:
20245

(quello sopra è un altro attualmente in restauro)
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda ura » 24/12/2014, 0:58

Come sempre uno spettacolo per gli occhi.
Avatar utente
ura
 
Messaggi: 1090
Images: 18
Iscritto il: 29/05/2011, 21:01
Località: Pavia

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda paciccio » 24/12/2014, 16:15

con quelle mani avresti dovuto fare il chirurgo! :shock: :shock: :shock:
«Con un gentiluomo sono sempre più di un gentiluomo; con un mascalzone, cerco di essere più di un mascalzone.» Paciccio & Otto von Bismarck
«Per capire le pietre ci vuole pazienza e perseveranza» Ura «non sono le pietre che affilano e fanno magie, bensì chi le usa con scrupolo ed esperienza» Lemmy
My SOTD on Instagram
Avatar utente
paciccio
 
Messaggi: 6073
Images: 1813
Iscritto il: 31/03/2010, 21:52
Località: Provincia N.W. Milano - Magonza

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 29/12/2014, 13:33

Un po' di restauri per occupare gli ultimi giorni dell'anno:

Blanc Degrey à Paris
databile al primo decennio dell'800, manico in corno bruno e rosette in rame
restaurato e affilato, dolce come tutti i francesi antichi :D
20245 20592

L.S.S &Sons - Strand (London)
11/16", interessante per la contropunta al tallone, databile verso il 1840-50
20603 20593

Morrell - Burlington Arcade (London)
6/8", probabile datazione intorno al 1860-70
20602 20594

"George Morrell, 61 Burlington Arcade, commerciante in articoli nazionali e stranieri, profumeria, articoli di cancelleria, oggetti torniti e cofanetti in ebanisteria" (Sun Fire Insurance company - february 1834)
"Burlington Arcade 60-61 Morrell, dressing case maker" (John Tallis's London Street Views - London Shops and Businesses 1838-1840)
quindi Morrel era un rivenditore di articoli di lusso che faceva marchiare gli oggetti con il suo nome. Burlington Arcade aprì nel 1819 - era (e probabilmente ancora è - o almeno lo era negli anni ottanta) un'area di negozi d'alta classe a Londra.
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda Luca142857 » 29/12/2014, 18:38

Come al solito devo lustrarmi gli occhi ;)
Interessante il L.S.S &Sons con la contropunta al tallone, la simmetria creata dà un senso di equilibrio esteticamente notevole; ma dal punto di vista pratico, questa contropunta rende più efficace la rasatura con quella parte di filo?
“La rasatura è una severa maestra.” Heinlein142857.
Avatar utente
Luca142857
 
Messaggi: 4555
Images: 1254
Iscritto il: 10/05/2013, 14:14
Località: Nordest Emilia.

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 29/12/2014, 19:02

E' solo un fatto estetico, penso nato come evoluzione dello sperone "salvapollice" dei primitivi rasoi che non avevano una demarcazione tra impugnatura e lama
es: Dumas Ainé 32
7869
la forma ha avuto un breve periodo di fulgore attorno al 1840 in Inghilterra come in questo George Rodgers coevo
4998
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda Luca142857 » 29/12/2014, 19:26

Ho capito, in effetti nel Dumas Ainé finire accidentalmente sul filo è un attimo. :?
Strano che la contropunta non abbia avuto successo: è bellissima.
“La rasatura è una severa maestra.” Heinlein142857.
Avatar utente
Luca142857
 
Messaggi: 4555
Images: 1254
Iscritto il: 10/05/2013, 14:14
Località: Nordest Emilia.

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 29/12/2014, 22:58

Anteprime degli ultimi restauri del 2014 :lol: :

William Webster - Sycamore Works "The Devonshire Razor" (coppia) 1850-1870
19443 20606 20627
▬۞▬


Hawksley - W 4 Strand (London) c.1830-40
20604 23732
▬۞▬


L. & Co. - 6, Cornhill (London) c.1850 molatura "rattler" o faux frameback
20605 20629
▬۞▬


punzone illeggibile c.1820-30 stub-tail
20610 20628
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 31/12/2014, 15:39

Un simpatico 4/8" tedesco: Engelswerk (C.W. Engels, 1892 - 1943) Solingen-Foche
2064120631

un dettaglio dell'inlay in alpacca e madreperla sul manico in plastica rosso-bruna
20636

e alcune immagini inizio 900 della fabbrica
2063720639
2063820640
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 29/01/2015, 19:49

Finalmente ho trovato il tempo per dedicarmi alla ricostruzione delle parti mancanti di due manici in avorio, un francese e un inglese. La sostituzione completa presentava difficoltà nel reperire due manici simili a quelli originali, il francese particolarmente slanciato e l'inglese nella tipica forma a fagiolino di metà '800. Inoltre avevo dei pezzi di guancette con un ingiallimento molto simile (il vero problema di questi interventi: la differenza di colore) e quindi la scelta dell'intervento alla fine era obbligata.

Come per il corno del W&B di qualche tempo fa, ho realizzato le parti mancanti con una linguetta sporgente che va a incastrarsi con un corrispondente scasso nell'interno della guancetta (incastro a mezzo legno, come dicono i falegnami).
In questo caso l'esiguo spessore delle guancette complica un po' il lavoro, ma l'avorio è un materiale particolarmente robusto anche in spessori inferiori al mm (lo spessore delle guancette di solito non supera i 1,5-2mm, quindi nella zona della sovrapposizione le due parti sono inferiori al mm)

La riparazione realizzata con il sandwich avorio/cianoacrilato/avorio ha un'ottima resistenza e visto che in questi due casi le parti mancanti erano nella zona dello spaziatore, lo spaziatore stesso forma un ulteriore base d'appoggio e rinforzo.
Il cianoacrilato in gel per questi lavori ha presa sufficientemente rapida, è leggermente riempitivo, con ottima presa su materiali microporosi come l'avorio. (certo, il collante ideale sarebbe stata la resina che indurisce con i raggi UV usata dai dentisti, ma fino a quando non trovo il tempo di procurarmela... :lol: )

la preparazione del pezzo mancante sul manico francese
214632146421465

le parti ricostruite, incollate e sgrossate sui due manici (in alto il francese, sotto l'inglese)
21466

a questo punto un po' di lavoro con le micromesh per pulire e lucidare i due manici e poi potrò rimontare le lame

Se siete curiosi... questi erano i due rasoi
l'inglese "Hawksley"
20630

e il francese "Fontenille 134" col suo gemello integro
21468
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda Luca142857 » 29/01/2015, 21:32

Altus,
le tue tecniche di intervento sono sempre molto interessanti e ben spiegate.
“La rasatura è una severa maestra.” Heinlein142857.
Avatar utente
Luca142857
 
Messaggi: 4555
Images: 1254
Iscritto il: 10/05/2013, 14:14
Località: Nordest Emilia.

Re: Restauro: giornale di cantiere....

Messaggioda altus » 09/02/2015, 16:19

Continuando con le integrazioni e ricostruzioni:
manico in avorio scolpito per settimanale a lame intercambiabili, inglese. c. 1830
2112721884
oltre a una vecchia integrazione fissata con pin in argento (che ho deciso di lasciare essendo stabile e per evitare il rischio molto probabile di frammentare tutta la parte interessata nel cercare di smontarla), il manico presentava anche il petalo finale mancante all'altezza del pivot, sull'altra guancetta.
Dopo l'abituale smontaggio, iniziavo la ricostruzione del pezzo mancante e il rinforzo della riparazione antica con una lamina di avorio da 0,3 di spessore fissata all'interno.
La parte mancante invece veniva ricostruita "a sandwich", dato lo spessore superiore al materiale disponibile per la ricostruzione, ricavando prima la base, incollata da sotto a rinforzare anche la zona del perno e poi riportandoci da sopra uno spessore da modellare come il petalo.
2189921900

il risultato semi-finale (manca ancora la lucidatura dei dettagli e una leggera riduzione dello spessore nell'interno della guancetta)
218972189821901


―≈ ≈―


Prosegue anche il restauro del John Barber in avorio e piquet work, arrivato ben coperto di ruggine attiva e con una riparazione [sic] a base di fil di ferro sul manico, ma fortunatamente con il manico integro e nessun pin della decorazione mancante.

21760

Smontato completamente per ripulire anche le guancette dalle macchie interne di ruggine, ne ho approfittato per rinforzare la zona dei pin con un rivestimento interno a base di cianacrilato: si cosparge il cianoacrilato e lo si copre con un pezzetto di domopak alluminio dalla parte lucida. A seccaggio avvenuto il domopak si stacca come fosse la carta sul retro di un adesivo, lasciando uno strato di colla di 1 decimo di mm. Usando il cianacrilato gel e non quello liquido classico, la placcatura conserva un minimo di elasticità che corrisponde a quella dell'avorio.
La lama per ora ha solo avuto un trattamento di pulitura dalla ruggine rossa attiva, rimane ancora da rimuovere parte dell'ossido nero del pitting.
21902
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 3135
Images: 2525
Iscritto il: 25/03/2013, 21:55
Località: Roma
PrecedenteProssimo

Torna a Manutenzione & Restauro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite