Acciai per utensili.

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Bloccato
Avatar utente
Aldebaran
Messaggi: 5775
Iscritto il: 31/03/2010, 18:26
Località: Milano - Chieti
Contatta:

Acciai per utensili.

Messaggio da Aldebaran »

ACCIAI PER UTENSILI

Gli acciai per utensili sono destinati all'allestimento di attrezzature soggette

a sollecitazioni che in fase di progettazione non è sempre possibile definire con assoluta certezza. In taluni casi si deve quindi operare la scelta cercando di trovare un buon compromesso fra caratteristiche talvolta in contrasto fra loro. A seconda dei casi che si pongono all'esame attento dell'utilizzatore, le principali caratteristiche che vengono richieste a questi acciai sono :
elevata capacità di taglio,
elevata resistenza all'usura,
tenacità agli urti ripetuti,
resistenza agli shock termici,
elevata durezza a caldo e / o a freddo,
stabilità dimensionale al trattamento termico.
Ne consegue che la scelta del tipo di acciaio richieda una attenta valutazione preventiva di tutte le componenti in gioco e comunque è consigliabile che l'utilizzatore chieda anche il parere del fornitore. Quest'ultimo dovrà a sua volta garantire per i propri prodotti un elevato standard qualitativo, affinchè l'utente possa ottenere i risultati previsti e che questi siano oltretutto ripetitivi.
Ricordiamo infatti che in molti casi la scelta del tipo di acciaio da impiegarsi si ricollega ad esperienze precedenti e, per tali motivi, la costanza dei risultati ottenuti diventa una guida fondamentale. Ciò è ottenibile solo attraverso la messa a punto di accurati cicli di fabbricazione e scrupolosi controlli eseguiti sui prodotti prima della vendita.
Infine è da ricordare che è di fondamentale importanza il corretto trattamento termico di messa in opera che dovrà essere eseguito tenendo conto del fatto che le caratteristiche richieste dall'utilizzo sono largamente influenzate anche da questa operazione. Soprattutto in questi ultimi anni si è assistito ad un concreto sviluppo tecnologico mirato al conseguimento di risultati ottimali ottenuti attraverso la messa a punto e il controllo del trattamento termico finale. In questo contesto si inseriscono anche i moderni trattamenti superficiali (es. C.V.D. - P.V.D. - Nitrurazione Ionica) destinati ad incrementare, in alcuni casi, la durezza e la resistenza ad usura delle attrezzature realizzate con gli acciai per utensili.
Ricordiamo che gli acciai per utensili commercializzati da IMS SPA ACCIAI SPECIALI sono suddivisi nelle seguenti categorie d'utilizzo :


ACCIAI UTENSILI PER IMPIEGHI A FREDDO

vengono inclusi in questo gruppo gli acciai per utensili destinati all'allestimento di attrezzature in cui le condizioni di utilizzo sono tali da mantenere le temperature d'esercizio al di sotto dei 200°C. In questa famiglia troviamo ad esempio la marca 2080 (K12), acciaio che presenta elevata resistenza all'usura e discreta stabilità dimensionale nel corso del trattamento termico, principalmente usato per la creazione di cilindri per laminatoio a freddo di nastri, lame da cesoia, punzoni e matrici, rulli profilatori ecc. Il 2379 (KORV) è invece un acciaio caratterizzato da elevata resistenza all'usura, ottima temprabilità e stabilità dimensionale al trattamento termico. Se trattato ad alta temperatura presenta, al successivo rinvenimento, il fenomeno della durezza secondaria. Questa caratteristica rende adatto questo acciaio a subire trattamenti di indurimento superficiale tipo nitrurazione e / o P.V.D. Il 58SiMo8 (MOC) è invece un acciaio con buone caratteristiche di tenacità e resistenza all'usura. La presenza di elementi di lega tipo Cr e Mo conferisce una buona temprabilità, di notevole importanza nel caso si debbano realizzare utensili con sezioni medie e grosse (lame da cesoia rettilinee e circolari, punzoni estrattori, pinze elastiche, scalpelli ecc).

1.2080 - 1.2379 - 1.2842 - 1.2550 - 1.2516 - 100CrMo7 - 58SiMo8

Consulta le schede tecniche


ACCIA UTENSILI PER IMPIEGHI A CALDO

vengono inclusi in questo gruppo gli acciai per utensili destinati all'allestimento di attrezzature in cui le condizioni di esercizio sono tali da prevedere che l'utensile lavori a temperature comprese nell'intervallo 450°C - 600°C non in modo continuato, come ad esempio la creazione di stampi per pressofusione di leghe leggere, camicie, mandrini ed altri particolari per presse ad estrusione, lame di cesoie a caldo, attrezzature per la produzione di bulloneria. In questa famiglia troviamo le marche 2714, 2365, 2343 e 2344.

1.2365 - 1.2343 - 1.2344 - 1.2344 (ESR) - 1.2714 - 1.2767

Consulta le schede tecniche

ACCIAI RAPIDI

appartengono a questo gruppo gli acciai destinati ad impieghi a freddo particolarmente gravosi compresa la possibilità di raggiungere localmente alte temperature, quali utensili da taglio e per lavorazioni a freddo. Principalmente usati per utensili per lavorazioni di sgrossatura ad elevate velocità di taglio e forti sezioni di asportazione, punte elicoidali, frese e maschi a filettare ad alto rendimento. In questa famiglia troviamo le marche 3343, 3243 e 3247.

1.3343 - 1.3243 - 1.3247

Consulta le schede tecniche


ACCIAI PER STAMPI PLASTICA

a questa famiglia appartengono gli acciai utilizzati per stampi in plastica e utensili complementari. Il tipo 2311 è un acciaio dall'ottima penetrazione di tempra adatto a sezioni fino a 400 mm. Fornito generalmente allo stato bonificato presenta ottime caratteristiche di lucidità e fotoincisibilità. Può essere nitrurato fino a circa 800 HV, cromato e nichelato. Utilizzato per stampi in plastica con esigenze di ottima finitura superficiale. È impiegato altresì per stampi per leghe leggere a basso punto di fusione, piastre, porta stampi.
Il tipo 2312 è un acciaio caratterizzato da una buona penetrazione di tempra e da altrettanto buona lavorabilità dell'utensile, anche allo stato bonificato, grazie all'alto tenore di zolfo. L'impiego classico è per la realizzazione di stampi per materie plastiche, anche di grosse dimensioni, purché le esigenze di finitura superficiale non sia estremamente spinta. Viene impiegato anche per piastre, porta stampi, stampi per leghe a basso punto di fusione. Può essere nitrurato fino a 800 HV e cromato

1.2311 - 1.2312

Consulta le schede tecniche
Bloccato

Torna a “Acciai”